Vita

amori de mi vida….

di mattino ti alzi bella pimpante…
pronta per una giornata assai frizzante….
prendi il mio cuore in ogni secondo..
sei la forza che muove il mio mondo

il tuo angioletto è li a vegliare…
di giorno di notte..non ti lascia mai stare…
cara la mia Giorgia cresci serena…
io vengo a casa per l’ora di cena…
poi giocheremo assieme di nuovo…
intanto la mamma ci cucina l’uovo…

ecco si sente strillare una voce…
senti come urla quel leone feroce…
ma cosa stai dicendo …caro papà bello…
è il piccolo Gianluca…mio fratello..

urla piange, fa anche tanta cacca….
dai mamma cambialo!!!…non battere la fiacca..
noi intanto giochiamo…ridiamo scherziamo…
ma la cosa bella è che ci amiamo….
la nostra famiglia è il nostro mondo…
cresciamo, impariamo e facciamo girotondo…

i miei due angeli…..

LA TRISTEZZA è UNA STRANA SENSAZIONE
NON TI FA DIGERIR NEMMENO LA COLAZIONE
POI PASSA  ALL’IMPROVVISO
E MI RITORNA IL SORRISO

MI CAPITA SPESSO DI PENSARE ALLA MORTE…
MI NASCONDO IN CASA E CHIUDO LE PORTE..
CREDO CHE CI SIA QUALCOSA AL DI LA’
IO RESPIRO E PARLO, CAZZO HO UNA VITA DI QUA’

FARE BRIGARE…NON MI FERMARE….
TI PREGO HO PAURA DI ANNEGARE…
POI RITORNA SEMPRE IL PENSIERO OSCURO..
COME SE MI CADESSE ADDOSSO UN MURO…

ORA SON SERENO…ED HO IL SORRISO..
GUARDO IN CAMERETTA E RITORNA IL PARADISO…

quella foto…

eravamo seduti in giardino a goderci la serata estiva…
c’era anche Andrea, il fratello maggiore…lo zio Andrea
vi vedo li nella foto in camera…
stesso sorriso, stessi occhi, tre cuori diversi..

un angelo è diventato
pensa alle risate che si fa, vedendo nostra figlia…
un agelo è diventato, troppo presto…
ora Giorgia, quando lo nomino guarda in cielo…

manca a mamma, le ha lasciato un grosso nodo
sto piangendo ora, non l’ho fatto quel giorno di pioggia
troppi pensieri, troppe persone…
la mamma c’è l’ha ancora dentro quell’urlo…
troppo educata per buttarlo fuori…

un angelo è diventato dopo aver sofferto l’inferno…
io non avevo tempo, volevo solo voi, avevo paura…
ora piango al ricordo del tuo “sei cattivo”….

il tempo passa, ma lui è sempre li in quella foto
faceva caldo quella sera…
il caldo poi è diventato gelo
ed ora resta solo quella foto…

ti manca, anche tu hai paura dell’urlo…

…grido

sto ancora cercando un nostro posticino
non voglio fare questa vita
mi mancano i tuoi occhi sui miei
mi mancano le parole della tua bocca sulla mia
ho necessità di toccarti nel cuore
ho bisogno che tu mi senta li

non ce lo siamo mai detti veramente
troppo lavoro, i figli, la paura…
dobbiamo fermare i nostri cuori

lasciamo tutto, andiamo via lontano
troppi affetti, il lavoro, la paura…
sembriamo una catena di montaggio..
sempre uguale, sempre lo stesso ritmo

il lavoro, la famiglia, la paura
basta!!!
amiamoci…

le parole…fanno male

c’era una volta un bambino…che non aveva nessuna voglia di lavarsi i
denti..
ogni giorno la stessa storia…..si alzava dal letto si cambiava…e si
tappava la bocca con le mani
“Non voglio” diceva arrabbiato verso il papà…
c’era una volta un papà..che aveva un figlio che non voleva lavarsi i denti
ogni giorno la stessa storia..si alzava dal letto si cambiava e lottava con
il figlio per togliere le mani dalla bocca e fargli lavare i denti
“Non sei per niente il figlio che volevo, sei permaloso, lamentoso,
irrequieto..disubbidiente, non fai mai quello che ti dico….non ti volevo
così…”
il bambino a quel punto toglie le mani ,si lava i denti..fa colazione e va
a scuola
il papà era fiero….di se stesso, perchè era riuscito finalmente solo a
parole a far lavare i denti al figlio….
c’era una volta una famiglia disastrata dal dolore di aver perso un
figlio..

Il bello
hai visto…11 anni passati …
come passa il tempo vero?..
sembra ieri, tu seduta a quel tavolo in tenuta da lavoro…
io con la mia supersicurezza di un neo maggiorenne…

il bello…così mi chiamavi…sempre col sorriso…
era questo che ti prendeva di me…non ero mai triste…
avevo sempre la battuta pronta…per…per farti ridere..
tu eri troppo per me…tutti me lo dicevano…
ma io cocciuto avanti per la mia strada…
mi dicevo..un avventura non ha mai fatto male a nessuno..
ed invece l’avventura si è complicata…
i tuoi occhi, i tuoi capelli, il tuo profumo la rendevano sempre più
dura…

un avventura mi dicevo, ma chi volevo prendere in giro…
tu non eri un avventura, tu eri e sei una storia per me….
una storia da scrivere a caratteri cubitali

ora non mi chiami più il bello, ora sono tuo marito…
che impegno vero?…il bello è ancora dentro me…
quel giovane spensierato che vuole solo il tuo sorriso c’è ancora…
vienilo a cercare…
gocce di vita…

sono seduto davanti al computer a scrivere testi, parole, poesie…
il piccolo dorme, la grande è nel mondo dei sogni…ogni tanto la vedo
sorridere, chissà in quale mondo è….fatto di colori, giochi e tanta
cioccolata…
io sto davanti al video e non penso a nulla, la mente libera, cerco di
trovare l’inizio della storia…cerco una banale rima per chiudere la
poesia, ma nulla, vuoto completo…allora mi concentro sui rumori della
notte…macchina…motorino…

macchina….un chiave che apre una
porta…una finestra che sbatte, sta arrivando il temporale…adoro la
pioggia..ho sempre la sensazione che la pioggia pulisca ogni cosa…allora
vado in terrazza, alzo la testa al cielo ed apro le braccia…ecco
l’immagine per iniziare la storia…la storia della mia vita…:”sono fuori sotto la pioggia e attendo il lampo…passano pochi istanti ed
ecco il tuono…il cielo è arrabbiato, si contorce e brontola..non gli sta
bene quello che vede…cerca di farsi sentire e butta acqua per pulire
tutta la schifezza del mondo sotto di lui..
io sono li sotto e voglio essere pulito…da tutto…dalle arrabbiature,
dallo stress del lavoro…dalle stanchezze della vita quotidiana…
un altro lampo….ecco che arriva il tuono e sorrido…sono contento…la
pioggia mi mette di buon umore…voglio solo che non finisca…ogni singola
parte di me è coperta da gocce…sento la stanchezza che se va…riprendo
fiato, apro gli occhi….ed il vento finisce il lavoro…le nubi si muovono
verso est…si vede il lampo, ma oramai è lontano… ed il tuono non si
percepisce più…il sole fa a spallate per uscire dalle nuvole che ora sono
bianche….tutto è passato..la mia vita continua con la speranza che domani
ci sia un altro temporale…”
La mascherami nascondo…si è vero…
il giullare di corte si nasconde…
ho paura di essere…voglio non essere…
faccio ridere, divertire, a volte faccio piangere…gli altri
ma mai mi guardo dentro…mai mi guardo allo specchio..
mai una sola volta lo faccio per me…
ho timore di vedere la mia vera natura…
paura di vivere a fondo i miei sentimenti…
forse per paura di ferire qualcuno
devo liberarmi da questo carnevale che mi perseguita
ho bisogno di piangere…

IL VESTITO

GUARDO IL PALCO, VUOTO.
PRIMA LI  SOPRA, C’ERANO UNA STORIA, DEI PERSONAGGI, DELLE LUCI, DEI
SUONI ….IL FONDALE
ORA è SOLO LEGNO, ASSI DI LEGNO PARALLELE, VECCHIE, CIGOLANTI E ROVINATE…
QUANTI PIEDI HANNO CALPESTATO QUEL PALCO…
QUANTE STORIE DIVERTENTI, DRAMMATICHE, COMMOVENTI HANNO PRESO VITA SOPRA
QUEL PALCO
PERSONE IMPORTANTI CI HANNO CAMMINATO,
AMORI NATI DAVANTI E DIETRO LE QUINTE, SI SONO CONSUMATI LI SOPRA.

L’ALLESTIMENTO DI UNO SPETTACOLO è COME LA VESTIZIONE DI UNA SPOSA…
AL MATTINO SI PRESENTA NUDA E NERVOSA
COMINCIA A PETTINARSI, ED IL FONDALE VIENE ISSATO,
E’ LA VOLTA DEI GIOIELLI…E LE QUINTE SONO IN POSIZIONE
UN Pò DI TRUCCO, LE LUCI SI ACCENDONO…
COMINCIA A RILASSARSI UN Pò, ED ENTRANO GLI SPETTATORI…

è ARRIVATO IL MOMENTO TANTO ATTESO…
IL “SI” DELLA SUA VITA E GLI ATTORI ENTRANO IN SCENA.

AMO QUELLA SPOSA PIù DEL TEATRO
MA ANCHE QUEST’ULTIMO HA UN POSTO SPECIALE NEL MIO CUORE.

Click

stamattina mi sono messo a riguardare delle vecchie foto…
nelle foto ci sono io, in alcune mia moglie…in altre i miei figli…parenti, amici
le foto fermano il tempo, bloccano l’invecchiamento…
mostrano dei momenti, felici o meno e ti fanno ricordare….
a volte i ricordi sono felici, a volte però angoscianti….sebbene nella foto ci siano dei sorrisi.
allora penso a come si è evoluta la mia vita da quell’istante…amore..affetti…matrimonio, lavoro, bambini…morte.
In una immagine c’erano amici vivi, parenti vivi…a fianco a me..li vedevo o li sentivo quotidianamente…
ora non più.
Al contrario in quell’immagine non c’erano alcune persone..che ora ci sono…i miei figli…nipoti…cognati acquisiti…
Le foto contengono informazioni…ricordi…immagini…emozioni.
A volte ho paura a rivedermi…ma non perchè so di essere invecchiato…
ma la sola immagine di me, mi fa  pensare a cosa in quel periodo mi passasse per la testa…
magari cose che non sono risucito a fare…realizzare…scrivere…
Ora penso a come potrebbe cambiare nuovamente la mia vita…
e a cosa penserò quando vedrò la foto che ora mi scatto..

Senza Titolo

“credo di volere troppo dal mio cuore…
c’è troppo poco spazio in lui….per amore…dolore…affetto…

felicità…
come fare a contenere tutto questo…ci vorrebbe un altro cuore…
pirma o poi scoppierà….
ogni tanto lo sento sussultare….e mi dico “Ecco adesso scoppia”
poi ..butto giù due righe e il battito torna regolare…
che abbia scoperto una valvola di sfogo?
mah…sono pervaso da sensazioni elettrizzanti….a volte positive…a
volte negative…
e lui è li a pompare queste sensazioni attraverso tutto il mio corpo…
in quei momenti, a seconda della sensazione, sento freddo…caldo…rido…
piango…
muovo le braccia verso un altro corpo…metto le mani…sul viso di una
persona…
poter trasferire queste energie ad un altro essere vivente, potrebbe essere
un super potere…
ossignore..sono un super eroe?? anche voi lo siete allora…”
è SUCCESSO, QUELLO CHE UN GENITORE SPERA SEMPRE NON SUCCEDA ED è SUCCESSO A NOI.
LA BUA è BRUTTA E CATTIVA, MA NOI SIAMO BRAVI A FARLA PASSARE E CON NOI CI SONO TANTE PERSONE SPECIALIZZATE IN “BASTA BUA!!!!”
SONO QUI DAVANTI AL PC, CON IL PICCOLO CHE DORME, GLI ANTIDOLORIFICI FANNO EFFETTO, STO PENSANDO A COME SARà LA VITA…E SAPETE COSA HO IMPARATO IN QUESTI POCHI GIORNI??
CHE LA VITA è MERAVIGLIOSA E VA GODUTA CON I PRO E I CONTRO. I GIORNI “CONTRO” DOBBIAMO TIRARE FUORI LE PALLE, ALZARE LA TESTA E SE SERVE CHIEDERE ANCHE AIUTO…E I GIORNI “PRO” VIVERLI FINO IN FONDO E COL SORRISO….IO AMO LA MIA VITA E AMO MOLTO DI PIù LA MIA FAMIGLIA E NON PERMETTERò CHE I “CONTRO” VINCANO LA GUERRA, CI SARANNO BATTAGLIE PERSE SICURAMENTE…MA LA GUERRA SARà DEI “PRO” E IO SARò LI QUEL GIORNO AD ALZARE LA BANDIERA DELLA VITTORIA E A GRIDARE
“BASTA BUAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!”
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...